Home

In difesa di chi salva le vite in terra e in mare. In defense of those who save lives on land and at sea. Pour la défense de ceux qui sauvent des vies sur terre et en mer

In difesa di chi salva le vite in terra e in mare

Migliaia di nostri simili continuano a morire a causa delle frontiere chiuse. È quanto avviene nel Mar Mediterraneo e sulla rotta balcanica.

Tante sono le organizzazioni e le persone solidali che cercano di dare sollievo, assistenza, cura e ospitalità a chi emigra in queste condizioni. Grazie a queste persone tanti si salvano e le tragedie non sono ancora peggiori.

3 febbraio 1996 - 3 febbraio 2021: 25 anni di lotta, di impegno, di vita - Festa, sabato 6 febbraio 2021, alle ore 15, presso la Galleria Principe di Napoli

3 febbraio 1996 - 3 febbraio 2021
25 anni di lotta, di impegno, di vita

Ne abbiamo fatto di strada in questi anni, a fianco degli ultimi per la dignità e il riscatto, per la libertà e l'accoglienza, per la vita contro il razzismo. Quegli ultimi che per noi sono fratelli e sorelle nell'umanità che tutti ci unisce e ci differenzia. Da quel 3 febbraio di 25 anni fa in cui sfilammo a Roma in 50 mila...

Una tragedia in Bosnia. A fianco di chi emigra, solidarietà e accoglienza

Una tragedia in Bosnia

A fianco di chi emigra, solidarietà e accoglienza

I profughi provenienti dal Medio-Oriente, dall’Africa Orientale, dall’Asia, che provano a valicare la frontiera vivono in condizioni drammatiche, dopo aver condotto viaggi infiniti.

Verità e giustizia per Anna! Solidarietà alla comunità rom!

Verità e giustizia per Anna!

Solidarietà alla comunità rom!

Il mese scorso, Chi rom e...chi no e altre associazioni hanno denunciato la morte di Anna, avvenuta il 9 dicembre. Anna era un’abitante del campo rom comunale di Napoli, situato sulla Circumvallazione esterna di Secondigliano.

In quel periodo, l’insediamento era stato militarizzato, a seguito dell’ordinanza regionale che lo dichiarava “zona rossa” per via di un focolaio Covid.

Genova 2021 con Greater per lo ius soli

La vicenda di Greater, la prima bambina nata nel 2021 a Genova, la cui nascita salutiamo con gioia, ha sollevato, a nostro parere, un’importante riflessione perché diversi politici e un coro di commenti di stampo razzista hanno affermato che questa bimba non è italiana.
I processi migratori stanno mettendo in crisi le società statali sempre più decadenti e la politica come si evince anche da questa vicenda.