Home

SOS UMANITÀ: “AFFERMIAMO ACCOGLIENZA” insieme a padre Alex Zanotelli per la dignità degli ultimi

Care amiche e cari amici,

vi alleghiamo il volantino di sostegno all'iniziativa promossa da Alex Zanotelli: Digiuno per la dignità degli ultimi contro la politica delle frontiere chiuse del Governo, che abbiamo portato alla manifestazione in piazza San Pietro, a Roma, il 10 luglio 2018, dove padre Alex e altri esponenti del mondo cattolico hanno iniziato un digiuno di protesta.

----------------

SOS UMANITÀ: “AFFERMIAMO ACCOGLIENZA”

insieme a padre Alex Zanotelli per la dignità degli ultimi

"EUROPA E IMMIGRAZIONE", articolo di approfondimento di Nino De Marinis, della Segreteria Nazionale dell'A3F.

Care e cari,

Iniziamo da oggi a pubblicare sul nostro sito una rubrica settimanale di approfondimento, sui temi di cui si interessa la nostra associazione.

L''articolo di oggi è "EUROPA E IMMIGRAZIONE", di Nino De Marinis, della Segreteria Nazionale dell'A3F.

----------------------

EUROPA E IMMIGRAZIONE

“la Marcia per la trasparenza" in Mali, contro il regime di Ibrahim Boubakar Keita

Pubblichiamo questa nota informativa, che ci è stata inviata da un nostro fratello.

-------------

Il 2 giugno scorso a Bamako, Capitale del Mali, si è svolta una manifestazione, organizzata dall’opposizione al regime , presieduto da Ibrahim Boubakar Keita: “la Marcia per la trasparenza“, alla quale ha risposto la gente comune, con una partecipazione di circa 10000 persone.

Comunicato A3F sulla vicenda della nave Aquarius bloccata in mare

Mentre gli Stati litigano centinaia di persone rischiano la vita in mare

Aprire subito i porti italiani alla nave Aquarius

Avviene in queste ore che a largo della Libia, in acque internazionali, la nave Aquarius con circa 600 persone a bordo tra cui bambini e donne, è costretta a vagare senza meta perché l’Italia, per mano del ministro degli Interni Salvini, ha chiuso i propri porti e Malta ha fatto lo stesso.
La loro vita è in pericolo per degli sporchi giochi tra stati. La disumanità di cui stanno dando prova è grave.

Omicidio razzista in Calabria, difendiamoci e reagiamo

Cari amici e amiche,